aprile 2022

DALLA CROCE
ALLA GIOIA

A nessuno sano di mente piace la croce. Non mi riferisco a quella appesa al muro o al collo. Pensa piuttosto alla croce che ti tocca in prima persona, a ciò che ti provoca sofferenza fisica o mentale. Anche attorno a te c’è senz’altro qualcuno che si trova nell’afflizione. La croce fa paura a tutti ma fa parte della vita. Quando la eviti o la ignori, attende imperterrita che finisca l’ultima distrazione con la quale l’avevi nascosta o anestetizzata. Gesù ti invita a portare con coraggio la tua croce e a seguirlo. Ora fai una pausa e dai un nome alla tua croce, alle tue croci…

Se Gesù è venuto a portarci la pienezza della gioia perché non elimina la sofferenza?

In questa Settimana Santa hai di nuovo la grazia di meditare su Gesù crocifisso. Puoi scegliere di essere un semplice spettatore in cerca di emozioni seduto in chiesa anziché al cinema o puoi decidere di aprire il tuo cuore e imparare dal Maestro come vivere la tua croce e come avvicinarti alla croce degli altri. La terribile morte di Gesù acquisterà un senso più profondo e personale se accetti di attraversare insieme a Lui e come Lui le tenebre del dolore e del peccato. Accogli la tua croce e affidala al Signore perché da strumento di dolore diventi segno di amore.

In attesa del mattino di Pasqua ricorda che ogni croce è passeggera perché Gesù ha donato la sua vita per farti risorgere con lui a vita nuova. Sperimenterai la gioia vera, quella che nessuno ti può togliere!

aprile 2022
Sei abbonato? Accedi per saricare il numero di Novembre
Accedi
Non sei ancora abbonato? Abbonati ora!
Abbonamenti