Ascoltando persone che si dichiarano lontane dalla fede ricorre frequentemente l’opinione che la confessione sia un mero esercizio funzionale a sorreggere la sensazione di assenza di un reale giudizio, quasi un colpo di spugna dato alla leggera nella storia del credente.