La paura è stato l’ingrediente principale in questi due anni, da quando è scoppiata la pandemia. Sentivo il dovere di rispettare al massimo le regole, fino a sembrare esagerata, per proteggere me e soprattutto la mia famiglia toccata da un’improvvisa malattia, che in seguito ha portato alla morte un familiare.