Sono parole forti quelle del vangelo di oggi. Parlano di un giudizio, di opere malvagie, nascoste, di buio e di luce. Ma il giudizio non nasce da Dio, quanto piuttosto dagli uomini stessi: scegliere Dio significa rimanere nella luce, ma fare opere malvagie significa scegliere le tenebre.