«Come mi conosci?». Ognuno di noi ha bisogno di essere capito; probabilmente anche Bartolomeo/Natanaele viveva questo vuoto. La sua domanda così “giusta”, così “centrata” sulla necessità di trovare una comprensione profonda, non è l’esclamazione superficiale di una persona stupefatta…