Mi accorgo solo ora, e mi colpisce, che nella frase «chi crede ha la vita eterna» il verbo usato sia al presente, non al futuro. Mi mette anche a disagio perché mi fa riflettere su quante sfumature come questa posso essermi perso nel tempo, frutto di letture non proprio meditate.